Gurufficina #39

La paura. La mia compagna di viaggio.
Piango. Ma non è un pianto disperato, lo definirei più consapevole.
Un po’ si può piangere. Poi ti asciughi le lacrime, ti soffi il naso e riprendi la strada.
Soffiarsi il naso è fondamentale: come puoi avanzare fieramente con il naso sgocciolante.La cosa migliore, dopo aver pianto, è lavarsi la faccia con l’acqua fredda.Farò così anche oggi.

[Tra i ricordi: sistemando vecchi appunti e note ho ritrovato queste righe. Prima di perderle di nuovo, le fisso qui]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questo form memorizza il tuo nome, la tua email e il contenuto da te scritto, tenendo così traccia dei commenti inseriti in questo blog. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy del sito: troverai tutte le informazioni su dove, come e perché vengono memorizzati questi dati.

Accetto di rilasciare i miei dati per poter commentare questo post.